#Pisa Book Festival: intervista a Giordana Gradara

Come anticipato qui, ho avuto il piacere di incontrare Giordana Gradara con cui ho scambiato quattro chiacchiere. 
Per chi non lo sapesse, è stata la prima editrice che ho intervistato per SEMEPI
Vi siete persi l’intervista? 
Molto male, ma potete sempre recuperarla qui: Intervista Plesio Editore.
Dopo questa breve introduzione veniamo subito a noi, ché ci sono tante cose interessanti da leggere!
PBF Giordana Gradara SEMEPI.jpg

È la prima volta che venite al Pisa Book Festival? 
Sì, è il primo anno che partecipiamo a questa manifestazione. Ne abbiamo sempre sentito parlare bene e la nostra posizione geografica ci pone a metà fra Pisa e Chiari, in provincia di Brescia. Fino all’anno scorso entrambe le città ospitavano due manifestazioni dedicate alla microeditoria, Chiari ci era più comoda, quindi abbiamo sempre preferito l’altra location. Quest’anno finalmente hanno capito che potevano anche essere fatte in due date diverse, quindi l’altra settimana eravamo al Festival della MicroEditoria di Chiari e oggi siamo qui.

Ho visto appunto che partecipate a molte fiere: avete riscontrato qualche differenza per quanto riguarda il pubblico delle varie manifestazioni? 
Una fiera è assolutamente diversa dall’altra, e la stessa fiera, di anno in anno, non presenta lo stesso tipo di pubblico, è sempre una scoperta nuova. In linea di massima posso dire che ho trovato delle differenze come preferenza di un genere piuttosto che di un altro tra le varie regioni, ma cose comunque molto aleatorie. Possono anche essere smentite al prossimo incontro.

Più o meno qual è la tendenza delle varie regioni? 
Ho visto che ultimamente c’è stata un’ondata di Urban Fantasy associato al Paranormal Romance,anche se sono due cose diverse, soprattutto per quel che riguarda il sud Italia, fino a Roma, mentre al nord persiste ancora, abbastanza forte, l’amore per il fantasy classico. È una cosa in linea ovviamente generica.

Qual è il panorama delle case editrici italiane? Quanto è difficile aprire una nuova realtà editoriale e mantenerla, oggi? Si può o spesso rimane solo un sogno? 
Il panorama è abbastanza grigio. I lettori sono sempre di meno, i libri sempre di più. Diciamo che sopravvive chi trova la sua nicchia di mercato e fa di tutto per non deluderla. I guadagni son risicati, ma tutto dipende dalle aspettative, e dall’investimento iniziale. Tra l’altro è complicato risponderti, perché ci sono pubblicazioni più facili da vendere e altre più complesse. Diciamo che comunque stiamo parlando di una bella sfida.

E il panorama del fantasy in Italia? Spesso come genere viene screditato, ma poi col boom di Game of Thrones, per dirne una, sembra essersi creato un fenomeno che attira molti fan, dando forse un nuovo futuro al genere. E’ un’impressione o c’è davvero una ripresa? E’ la mentalità dei lettori che deve cambiare o qualcosa anche nel tipo di trame proposte? 
Non so se sia cambiato qualcosa. Si diceva lo stesso del fenomeno Signore degli Anelli. Credo che sia un genere che goda di interesse ciclico. In realtà la nostra forza è attirare sia il lettore occasionale, magari attratto proprio dallo spopolare del momento, che quello già esperto e navigato del mondo della fiction. Non penso che debba essere il lettore a cambiare. Noi costruiamo un prodotto per lui, è più logico che siano gli autori e gli editori a muoversi secondo i suoi desideri. Certo, se poi vogliamo parlare di cultura del fantastico (o della lettura in genere), questo è un altro paio di maniche.

Veniamo alle spine! Nel dibattito Torino-Milano come si inserisce una casa editrice indipendente come la vostra? 
La nostra casa editrice spalleggia Torino, anche perché, per come si sta ponendo tutta la questione, Torino punterà effettivamente sulla qualità. Anzi, i tanti difetti che ha avuto fino allo scorso anno il Salone di Torino, come ospitare alcuni editori dalle politiche non troppo etiche, verranno eliminate, mentre la fiera di Milano è ancora prettamente commerciale. Consideriamo che quest’ultima viene spalleggiata dall’Associazione Italiana Editori, la quale è composta prevalentemente dai grandi marchi. Piccolo aneddoto: quando noi abbiamo fatto richiesta d’iscrizione all’AIE alcuni anni fa, perché per fare scolastica devi essere forzatamente iscritto, non ci hanno mai risposto.

Sì, ho visto che molti hanno lasciato all’AIE. 
Molti editori sono usciti dall’Associazione Italiana Editori, tra l’altro ne è stata aperta un’altra che è l’associazione Amici del Salone del Libro di Torino, che ovviamente spalleggerà il Salone. Non abbiamo ancora visionato il regolamento della nuova associazione, quindi non so se aderiremo o meno, però come fiera ci sta piacendo molto di più l’impostazione che ha Torino, e mi è piaciuta anche molto la risposta, che ho visto in maniera parziale, dei torinesi. Tra i miei autori tre sono torinesi e sono tutti e tre inviperiti. Secondo me la città di Torino reagirà benissimo, questo sarà il Salone che veramente cambierà la direzione e lo rinnoverà. Dato che il personale del Salone di Torino dello scorso anno ora lavora alla fiera di Milano, quest’anno avremo a che fare con persone che al Salone lavoravano nel retrobottega, senza aver modo di far valere le loro idee, che secondo me invece sono molto valide.Lo scorso anno avevamo a che fare con il personale del Salone del Libro di Torino che bellamente quest’anno lavora per il Salone di Milano il che, secondo me, è molto positivo perché ha dato modo di svecchiarsi relativamente, perché quest’anno abbiamo a che fare con alcune persone che l’anno scorso lavoravano diciamo nel retrobottega e non avevano modo di far valere le loro idee, che secondo me invece sono molto valide. Quelli con cui ho avuto a che fare fino a questo momento sono tutti molto giovani, hanno idee innovative e sono molto motivati.

Ho visto anche che, finalmente, hanno fatto degli sconti per gli stand. 
Finalmente c’è un’associazione del libro con annessa fiera che si mostra aperta o comunque disponibile verso la piccola editoria. Non potevano fare diversamente: se la grande editoria va a Milano è logico che qualcuno devono riuscire a farlo rimanere, e per farlo devono offrire degli stand vantaggiosi. Una cosa molto bella che hanno fatto è stato collaborare col Politecnico, non so se questo si sa. Quest’anno tutta la manifestazione non sarà più disegnata con i soliti stand lineari, ma verranno progettati, almeno per quelli per cui la progettazione verrà effettivamente affidata al Politecnico, degli stand open space.

Spesso un lettore preferisce acquistare i libri su Amazon o simili piuttosto che in libreria. Questo come influisce sulla casa editrice e sulle vendite? È importante richiedere un vostro titolo in libreria, vi consente più visibilità o non c’è alcuna differenza? 
La situazione ideale per noi si ha o con la vendita diretta in fiera o sul sito, così abbiamo anche il rapporto diretto con il lettore soprattutto, c’è modo di conoscersi, di tastare il polso, vedere che cosa piace e che cosa viene richiesto o no. Diversamente i nostri libri sono tutti ordinabili tranquillamente per quel che riguarda il discorso online, relativamente per quel che riguarda il discorso librerie. Che un libro venga venduto da IBS, da Amazon o dalla libreria sotto casa per noi è uguale perché il nostro distributore è sempre lo stesso, per l’uno e per l’altro canale. E’ logico che avere una libreria disponibile a ordinare un nostro titolo, per noi è un vantaggio. I nostri titoli sono distribuiti da Libro Co che è un distributore toscano, ma si occupa di distribuzione a livello nazionale ed è anche partner FastBook. Quindi sono ordinabili in tutte le catene IBS, Ubik senza problemi e in realtà da qualsiasi libraio indipendente. Poi prendiamo accordi anche direttamente con le librerie, laddove ci fossero delle librerie disponibili, ma questo di solito succede solamente quando si ha una libreria di genere, come la Miskatonic di Reggio Emilia o un’altra che ha aperto da poco a Torino.

Mi chiedevo: se c’è richiesta di quel dato libro, il libraio è portato a tenere qualche copia in negozio. 
A livello teorico sì, a livello pratico generalmente il libraio ordina semplicemente quella che gli viene chiesta e poi forse, ma… (Insomma, abbiamo capito che non va proprio così!)

Una pubblicazione digitale può risolvere in parte il problema? Forse attira più lettori, anche fra chi guarda con scetticismo verso realtà più piccole, per i bassi costi degli ebook. E, a questo proposito, perché esiste così tanto divario tra i prezzi degli ebook di un grande marchio e quelli di una casa editrice minore? Su cosa si basa il prezzo di un ebook? 
Sfortunatamente la piccola/media editoria, con i suoni numeri e la sua distribuzione, non può permettersi di ridurre il prezzo di copertina ai livelli dei grossi editori, che di solito tra l’altro posseggono anche direttamente gli stabilimenti tipografici, l’azienda di distribuzione e –spesso- la rivendita, potendosi permettere così di abbattere i costi. Non ho la presunzione di sapere il perché i grandi marchi continuino a mantenere alto il prezzo degli ebook, posso solo avanzare delle ipotesi. In un mercato in crisi, dove per noi piccoli il digitale rappresenta una grossa opportunità, per il grande editore rappresenta invece un campo in cui il suo – passami il termine- monopolio di distribuzione viene sensibilmente ridotto. È vero che anche nel digitale il grosso marchio ha una visibilità cento volte superiore alla nostra, ma è altrettanto vero che comunque chiunque cerchi un nostro ebook è in grado di trovarlo e non si trova di certo di fronte alle problematiche classiche di chi ordina un titolo di un piccolo editore in una qualsiasi libreria (problematiche tra l’altro presenti spesso anche quando si parla di libri distribuiti comunque da un distributore nazionale). In sostanza, penso che per i grandi gruppi il digitale rappresenti il pericolo di allargare il mercato a concorrenti se non pericolosi presi singolarmente, sicuramente spaventosi considerati nel loro insieme. Del resto, uniti, gli editori medi e piccoli rappresentano oltre l’80% del totale (indagine ISTAT sulla produzione libraria del 2015). Per concludere, credo che la politica del prezzo alto dell’ebook utilizzata dalla grande editoria trovi la sua ragion d’essere proprio nel tentativo di sabotaggio del mercato digitale. Impossibile, credo, ma di certo anche se si trattasse di una mossa incapace di arrestare questo fenomeno, di sicuro si tratta di una strategia idonea a rallentarlo.

Grazie mille della disponibilità. 
Grazie a te e buon proseguimento.

Spero che vi sia piaciuta e che l’abbiate trovata interessante!
A domani per la prossima intervista! 

Pisa Book Festival 2016



Quest’anno non mi faccio mancare nulla: dopo il Salone di Torino, una toccata e fuga al Bordighera Book Festival e il Lucca Comics, sono approdata anche al Pisa Book Festival, in veste di amministratrice di SEMEPI (se non sapete di cosa si tratta cliccate QUI), accompagnata da Chiara, la mia coinquilina.

Yvaine, ma non avrai coprato troppi libri quest’anno?, direte voi. 
E c’avete pure ragione.
Infatti non sono andata lì per fare acquisti, bensì per intervistare e, ovviamente, per assistere ad alcuni incontri molto interessanti.

Col sostegno morale di Chiara e facendomi reggere una penna utile solo a fare scena, ho intervistato dal vivo Giordana Gradara, editrice della Plesio Editore, e ho conosciuto due autori, Federico Al Galdi e Marco D. Dollera, che mi hanno incuriosita, ma, mannaggia al portafoglio, non ho potuto acquistare i loro libri. 

Qualche stand più in là abbiamo fatto due chiacchiere con Alessio Del Debbio che ci ha presentato anche la fondatrice dell’associazione SEU – Scrittori Emergenti Uniti. Al loro stand abbiamo avuto il piacere di conoscere Valentina Bellucci, che forse alcuni di voi avranno già sentito nominare. Insieme abbiamo parlato di libri, autori, editori e ci siamo lasciate con la promessa di organizzare qualcosa.
Venendo invece agli incontri proposti dal programma di sabato pomeriggio, ve lo devo confessare, ho conosciuto quelli che diventeranno i miei mariti. Perché se esiste la poligamia non vedo perché non debba esistere la poliandria.
Il primo è sicuramente Björn Larsson, i cui libri sono tradotti e pubblicati da Iperborea.
Innanzi tutto diciamolo:  Björn parla italiano.
Ha parlato del mare nella letteratura, di quelli che per lui sono romanzi sul mare, di quanto questo elemento abbia influenzato la sua vita e i suoi libri.
Il secondo è Chen Jiang Hong, un artista cinese trasferitosi in Francia: scrive e illustra libri per bambini, raccontando la storia e le tradizioni della Cina.
E allora, mi dispiace mamma e papà per aver speso i vostri soldi, ma ho ceduto. Ho ceduto alla tigre cinese e ho comprato. Sì, ho comprato un libro di quest’uomo e me lo sono fatto autografare con tanto di disegno bellissimo realizzato con pennello e china. Perché quando mi ricapitava più? 
Vi dico solo che al bambino davanti a me gli ha fatto il ritratto, disegnando persino il cappellino che aveva in testa!
Tra tutti i suoi titoli pubblicati in Italia ho deciso di prendere Sann perché mi ha ricordato vagamente uno dei personaggi della storia che sto cercando di portare a termine.

Nei prossimi giorni troverete dettagliatamente il resoconto completo di tutte queste belle esperienze, sia qui sia sul blog relativo a SEMEPI. Devo solo trovare il tempo di riascoltare le registrazioni.
E mi raccomando: partecipate alle fiere e spendete bene i vostri soldi. Si incontrano un sacco di persone che condividono i nostri interessi e trovate delle occasioni che proprio non potete permettervi di perdere.

Weekly News #6 – 2016



Weekly News è una rubrica con cadenza settimanale di domenicain cui riassumerò in quattro brevi punti la mia settimana:

  • Il libro della settimana: il libro che ho trovato più interessante, che ho letto, recensito o che ho semplicemente scoperto.
  • Il personaggio della settimana: il personaggio che in questi sette giorni ho sentito vicino, che mi ha ispirato, scelto tra libri, manga, anime e quant’altro.
  • La notizia della settimana: qualcosa che mi è accaduto durante la settimana e che ritengo più importante.
  • La citazione della settimana.
  • La canzone della settimana.
Il libro della settimana me l’ha regalato Angharad per il mio compleanno: Regina di Fiori e Radici di Laura MacLem. Ce l’ho in lettura da un po’, ormai, anche se ho avuto poco tempo da dedicargli, prò mi sta piacendo moltissimo! E’ ambientato nell’antica Grecia, i protagonisti sono le divinità dell’Olimpo, in particolare Persefone. Sono ormai tre anni che non studio greco, mi manca moltissimo, e questo libro è per me come tornare un po’ alle origini, alle atmosfere e ai miti che mi hanno affascinata fin da bambina.


Il personaggio della settimana è Yukino Miyazawa. Insomma, la situazione più o meno è questa.

Anche se con uno “study, study!” meno energico XD
Questa settimana l’ho passata un po’ a riposarmi delle precedenti giornate frenetiche, un po’ sono stata poco bene e poi mi sono dedicata alla lettura di saggi che mi servono per la stesura della storia che sto scrivendo. Se avanzava tempo, allora, prendevo il libro di filologia medievale e umanistica, ma solo se non avevo niente da fare!

La notizia della settimana, come dicevo prima, è che ho finalmente ripreso a scrivere! Me ne sentite parlare da quando ho aperto il blog, ma senza aggiornamenti fissi perché, rullo di tamburi, sono scostante anche in questo. Siete sorpresi, vero?
Be’, questa volta c’è qualcosa di speciale: ho dei sostenitori e due persone che stimo molto che vorrebbero leggere la mia storia, quando la finirò. L’idea mi entusiasma così tanto che stavolta potrebbe essere quella buona XD
Mi fate gli auguri? *w*
Tra l’altro, ora che ci penso, il computer non mi aveva salvato gli aggiornamenti che avevo fatto nell’ultima ora… stavo per esplodere, ma per fortuna, prima di chiuedere il documento, ho mandato le modifiche a un’amica, così ho potuto recuperare tutto senza troppi danni, a parte il fatto che ho dovuto riformattare mezzo testo. Meglio questo che perdere completamente il lavoro! Ho sempre detto che dovrei tornare a scrivere a mano!

La citazione della settimana è tratta dal film V per Vendetta che ho visto ieri sera con la mia coinquilina e che, no, non avevo mai visto prima.

Io oso fare tutto ciò che può essere degno di un uomo, chi osa di più non lo è.

La canzone della settimana è una molto stupida, ma non riesco a togliermela dalla testa… me ne consigliate una voi? Magari smetto di cantare questa!
E sì, è solo un caso che si chiami “V per Viennetta” e che io abbia visto V per Vendetta nella stessa settimana. Le due cose non sono collegate, lo giuro! Però è vero, mentre guardavo il film, a un certo punto, nella mia testa è partita questa canzone… XD

La vostra settimana com’è andata?

Yvaine

Recensione "Tutto per un drago di legno" di Davide Cencini e Rita Micozzi


Titolo: Tutto per un drago di legno
Autore: Davide Cencini
Illustratore: Rita Micozzi
Pagine: 96
Editore: Astro Edizioni
Prezzo: 9.90 €
Trama

La vita del topolino Surri è segnata da una piccola malformazione: è nato con una codina corta e storta, ciò lo rende goffo e timido verso i suoi coetanei, che si prendono gioco di lui. Al raduno dei clan muscu, però, incontra Scresah, un adolescente sbruffone e sfrontato, con il quale rivaleggerà per recuperare un talismano magico in grado di guarirlo; la loro impresa sfocerà in una girandola di eventi che porteranno lo scompiglio al raduno, durante i quali Surri scoprirà non solo di essere coraggioso, ma anche che essere diversi non è poi tanto male.
Cosa fareste se foste dei topolini, nasceste con una codina storta e se questo, nel vostro mondo, fosse un cattivo segno? Ce lo racconta il topino Surri, con la voce di Davide Cencini e i disegni di Rita Micozzi in Tutto per un drago di legno.
Ci troviamo nel mondo di Oma, che gli esseri umani condividono con i muscu, una razza di topi umanoidi, alti circa un metro. Ogni anno i clan muscu raggiungono la valle per il raduno, tra festeggiamenti e mercatini dove è possibile trovare oggetti di ogni sorta. 
Ed è proprio in questa occasione che Surri, stanco della sua coda a forma di scaletta che lo rende goffo e oggetto delle prese in giro dei coetanei, incappa in una prodigiosa statua di legno in grado di curarlo. L’unico problema è che, mentre sta cercando di venire a patti col proprietario… la statua sparisce!
Toccherà quindi a Surri e all’impertinente Scresah mettersi sulle tracce del talismano e del ladro, e il nostro protagonista avrà un’importante lezione da imparare.
Di qui la trama procede lineare e semplice, ma non risulta affatto scontata. E’ carina e godibile, anche per chi come me è un po’ cresciutella, e mi è piaciuto molto anche il messaggio finale che preferisco scopriate da soli.
Lo sviluppo della storia è molto breve, data la lunghezza, ma ho apprezzato in modo particolare la scrittura: il vocabolario non è stato semplificato fino al ridicolo, come accade sempre più spesso nei libri indirizzati ai giovani, ma quello che mi è piaciuto di più è lo stile fresco e divertente di Davide, che riesce a farti affezionare ai personaggi in poche e rapide pennellate.
Primo fra tutti, Surri, dal dolce musino, dalla coda storta, onesto, leale e, vi assicuro, coraggioso, nonostante la goffaggine che lo contraddistingue. Chi di noi non si è mai sentito maldestro? Io lo penso di me ogni giorno e questo, probabilmente, fa di me la sorella umana di Surri.
Il co-protagonista, Scresah Enkawa, è un tipo tutto pepe: furbo, un po’ imbroglione, sfrontato, pasticcione e aspirante mago. Insomma, un altro roditore che sa il fatto suo! 

«Vendimi quel drago, lo compro io!».«Ma non era una patacca?» , borbottò Henz.«D’accordo, non l’avevo guardato bene. Te lo pago, vediamo… dodici uova, una cucciolata di gattini e, mi voglio rovinare, ci metto anche una delle mie sorelle! Prendi quella che vuoi.»

E poi abbiamo la famiglia Enkawa che schiera il padre, la nonna, quattro fratelli e tre sorelle, ognuno con la propria personalità e le proprie attitudini. Tra loro, il mio preferito, oltre Scresah ovviamente, è Willet, lo smilzo e alto della famiglia che tira con l’arco. Scusate, ma è stato amore a prima vista.
L’unica pecca di questo libro è che è troppo breve e si vorrebbe scoprire di più su Oma e sui suoi abitanti! 
Ma a questo Davide Cencini e Rita Micozzi stanno ponendo rimedio: presto uscirà per Plesio Editore un sequel: ritroveremo alcuni dei personaggi, ma le due storie sono completamente indipendenti. QUI trovate altre informazioni.
Prima di concludere, devo fare i miei complimenti a Rita che ha prodotto delle illustrazioni così belle che mi è venuta voglia di colorarle. Ma il libro è sacro e non si tocca e forse è meglio per tutti, soprattutto per Rita, che restino così, non vorrei mai farne uno scempio.

Recensione "La prima cosa bella" di Bianca Marconero


Titolo: La prima cosa bella.
Autore: Bianca Marconero
Pagine: 317
Editore: Newton Compton 
Prezzo: 5.90 €
Trama

Esiste solo l’amore non corrisposto: questa è la convinzione di Dante Berlinghieri, ventunenne nerd appassionato di cinema e fumetti.
Tra una birra nel solito posto, un esame all’università e una sosta in fumetteria, la sua vita scorre più o meno tranquilla. Ma una sera come tante, in uno dei soliti posti, arrivano anche delle ragazze e da quel momento il mondo di Dante verrà completamente capovolto. Si ritroverà promosso al ruolo di regista in un film amatoriale, si innamorerà senza essere riamato, e a sua volta non ricambierà una ragazza che invece si innamora di lui. E in un susseguirsi di eventi imprevisti e imprevedibili, Dante scoprirà che nulla è come aveva immaginato…
Quando arrivi a desiderare di leggere tutti i libri di un autore vuol dire che quest’ultimo ti ha letteralmente conquistato.
È quel che mi è successo con Bianca Marconero, e devo dire che neanche questa volta ha deluso le mie aspettative.
La prima cosa bella è un romanzo fresco e leggero che si fa leggere con voracità. All’apparenza una comunissima storia d’amore, si rivela invece una piacevole sorpresa a partire proprio dal protagonista.
Dante è un autentico scemo, non c’è niente da fare: nerd da che se ne abbia memoria pensa di poter controllare la sua vita come il copione di un suo cortometraggio, senza mettere in conto gli incidenti di percorso. Troppo impegnato a giudicare a prima vista e a interpretare la realtà secondo gli schemi dettati dalla propria esperienza, spesso finisce per non vedere la Verità, chiara agli occhi di tutti meno che ai suoi, cosa che lo caccerà in un mare di guai.
Ma nonostante Dante abbia un sacco di difetti non si può proprio fare a meno di affezionarsi a lui, perché del resto sono i nostri “spigoli” che ci rendono diversi dagli altri, unici e speciali.
L’altra figura che spicca è Beatrice: dalla pazienza tale da meritare almeno la beatitudine, una protagonista diversa dal solito, buona sì, ma che non si lascia prendere in giro, ha il coraggio scegliere ciò che è meglio per lei. Un personaggio davvero riuscito, soprattutto per la sua capacità di comunicare col lettore anche attraverso poche battute e i suoi silenzi.
Il resto dei personaggi contribuisce a creare un cast eccellente: un mix di personalità forse un po’ stereotipate, ma ben delineate e che si inseriscono alla perfezione nell’intreccio.
Al di là della trama, che può piacere o meno, La prima cosa bella è un buon romanzo perché è come passare del tempo in compagnia di un amico a parlare di film e fumetti. Se siete appassionati di entrambi non potrete fare a meno di sentirvi a casa, di riconoscerete le citazioni e di apprezzarle, vi sentirete parte del libro, come un altro dei personaggi, assidui frequentatori di fumetterie e farete parte dell’esclusivo cineforum messo su da Dante.
Personalmente ritengo che questo libro sia scritto in modo sublime, nell’inconfondibile stile dell’autrice, scorrevole ma al tempo stesso con un qualcosa di poetico, che riesce a inciderti ogni singola frase nel cuore. È bello perché io potrei essere Dante, perché un po’, in fondo, lo sono e forse lo siamo stati un po’ tutti. È bello perché, nella sua spensieratezza, insegna a non dare niente per assolutamente certo, perché se la vita la lasci fare “vedrai che ti sorprende”; perché non sempre ciò che è bello e che desideriamo coincide con quello che vogliamo realmente; perché nel bene e nel male le nostre azioni hanno sempre delle conseguenze; perché a volte bisogna lasciare il nido delle proprie sicurezze e lanciarsi nell’ignoto per inseguire i propri sogni, per seguire il proprio cuore.
Infine ringrazio l’autrice perché questo libro era ciò di cui avevo bisogno: una speranza, un incoraggiamento, una storia coinvolgente. Non so come faccia, ma i suoi libri giungono sempre al momento opportuno.

Lucca Comics&Games 2016

Ebbene sì, dopo anni in cui prometto di tornarci, sono stata finalmente al Lucca Comics!
Se qualcuno di voi ha mai fatto questa esperienza non ci sarà bisogno di dirvi il caos e la calca allucinante; in ogni caso, qualsiasi cosa stiate immaginando è comunque quella giusta.
Stanchezza a parte, sono stati due giorni bellissimi, resi ancor più speciali dalla presenza di Angharad, una delle Belle de La Bella e il Cavaliere.
Abbismo girato come due trottole per riuscire a fare tutto quello che avevamo in programma e, signore e signori: CE L’ABBIAMO FATTA!
Angharad mi ha trascinata alla conferenza di Brandon Sanderson e di Virginia De Winter, due autori che conoscevo molto poco, ma di cui mi sono subito innamorata. Pensate che il primo ha persino chiesto di fare un applauso al traduttore italiano dei suoi libri (presente in sala) e la seconda ha chiesto al pubbico di farle delle domande! Insomma, li voglio sposare ❤
Come dimenticare poi Chiara Panzuti che ha voluto incontrarmi, che mi ha incoraggiata nei miei progetti di scrittura e con cui condivido il fascino per i paesi e le culture del nord del mondo?
E ora veniamo agli acquisti!
Come vedete, ho preso tre poster di cui vado fierissima! Cloud di Final Fantasy, Kingdom Hearts e Fullmetal Alchemist. Così la camera della mia sede universitaria sembrerà meno vuota e meno bianca.
Sopra, partendo da sinistra:
Il Duco Mentario di Fraffrog e Richard HTT. Sono stata in fila sabato inutilmente per 40 minuti,
sperando di poter ripassare domenica per il firma copie e per rimediare una foto. Domenica, alla fine, mi è stato impossibile, ma siccome ogni tanto una gioia c’è, ho incontrato per puro caso Fraffrog, le ho chiesto gentilmente la firma e una foto. Sì, la foto esiste e no, non la vedrete mai. Potrebbe causarvi immediata perdita della vista per quanto ero sfatta.
Mi spiace solo di non aver incontrato anche Richard, ma non si può voler tutto dalla vita u.u
Sì, il mio vero nome è Manuela XD
Il Principe Spezzato di Bianca Marconero. Ora, seriamente: poteva mancare? u.u Qualsiasi cosa abbia scritto Bianca è mio, soprattutto se riguarda Albion! Poi sapete che non amo gli ebook, quindi avere la versione cartacea per me è troppo bello. Quando li avrò tutti farò un altarino solo coi suoi libri, lo so u.u
Tutto per un drago di legno di Davide Cenci e Rita Micozzi. Ero curiosissima di leggere qualcosa di loro e poi la copertina verde con quei topini mi ha conquistata! Un ringraziamento particolare va a Rita, a cui ho lasciato carta bianca per il disegno: ha saputo azzeccare il personaggio, è il topino più alto (sono alta anche io) e tira con l’arco (sport che voglio iniziare a gennaio). 
La Lettrice. Lo spirito dei ghiacci di Chiara Panzuti. Ho aspettato fin troppo per comprare questo libro e ora che ce l’ho voglio leggerlo al più presto! L’unica cosa è che per vari imprevisti Chiara non ha potuto autografarmelo né fare una foto con me u.u E quindi ormai dobbiamo per forza incontrarci un’altra volta e rimediare
In sostanza un Lucca Comics davvero speciale per le cose che ho visto e le persone che ho incontrato, non posso descrivervi tutte le emozioni, tutte le persone che mi hanno fatto sentire il loro affetto, che mi hanno regalato tanti bei momenti che porterò sempre nel cuore.
Andateci con le persone giuste, andateci per le persone giuste e divertitevi. 
E scarpe comode, mi raccomando!

Recensione "La foresta di Brocelandia" di Jean-Louis Fetjaine



Titolo: La foresta di Brocelandia.

Autore: Jean-Louis Fetjaine
Pagine: 255
Editore: Ponte alle Grazie
Prezzo: 13.50 €
Serie: 1. Il passo di Merlino
2. Il passo di Merlino. La foresta di Brocelandia

Trama

Mentre le terre di Bretagna sono devastate dalle guerre e dai conflitti religiosi, Merlino, accusato di stregoneria e perseguitato perché considerato potenzialmente pericoloso, ha finalmente scoperto il mistero delle proprie origini. La sua meta è ora la magica foresta di Brocelandia, ma presto il suo passato lo riporta tra gli uomini: nel regno degli scoti la regina Guendolena ha messo al mondo un bambino di nome Artù…
Partiamo da una certezza.
La foresta di Brocelandia, secondo e ultimo capito della storia iniziata con Il passo di Merlino, non mi ha convinto.
Spiegarvi il perché è un altro paio di maniche. 
Nella recensione del primo libro avevo posto l’accento sul fatto che non accadessero molte cose degne di nota. Qui, se possibile, è ancora peggio. 
Merlino è finalmente in viaggio verso la Bretagna, il luogo dei suoi antentati, alla ricerca delle proprie origini. Per una serie di motivi viene separato da Blaise e quindi troviamo capitoli col punto di vista prima dell’uno, poi dell’altro, insieme a quelli dedicati rispettivamente a Guendolena e Ryderc, personaggi che troviamo anche nel primo libro.
Ora, succede così poco che, dicendo una qualsiasi cosa, faccio sicuramente qualche spoiler.
Le uniche cose degne di nota sono due.
La prima è il ricongiungimento di Merlino con la sua gente. A Brocelandia scopre la magia, gli antichi riti nel cerchio degli alberi sacri, tutte credenze e tradizioni che sono state proibite dal cristianesimo, costringendo chi le praticava a nascondersi e rifugiarsi nei boschi o in altri luoghi inospitali. Quello che mi è piaciuto è che Fetjaine accenna solamente a questa sorta di magia, che affascina il lettore proprio perché non viene spiegata nei minimi dettagli. Può sembrare un difetto, ma in realtà a me piace questo modo di intersecare la realtà con gli antichi riti: parlandone con vaghezza mi dà la sensazione che sia qualcosa di così sacro da non poter essere descritto con le parole e forse anche perché sono dei segreti a cui non possiamo essere messi a parte.
La seconda cosa che mi è piaciuta è il processo a Blaise. Viene infatti accusato da altri componenti della chiesa di aver perso la via di Dio: egli infatti crede che, piuttosto che essere figlio del diavolo, Merlino sia una sorta di Messia, qualcuno inviato da Dio sulla terra per compiere una missione precisa. Questo crea scandalo, soprattutto quando si scopre che Blaise appoggia le idee di Pelagio che a quell’epoca erano ritenute eresie, in favore di una visione agostiniana della natura umana. Ho apprezzato la ricostruzione storica, le tesi, gli esempi riportati dai testi sacri, le parole… il discorso è sembrato così realistico da darmi l’impressione di leggere un documento antico.
Quello che non mi ha convinto per niente invece è il finale. Non posso dire molto perché questo è sicuramente spoiler. Diciamo che era difficile immaginarsi una fine diversa, forse quella scelta dall’autore è la più adatta, però al tempo stesso per come si svolge non mi ha convinta appieno.
Forse il mio giudizio così negativo su questa ultima parte è influenzato dall’odio che provo nei confronti di Guendolena che fa un po’ le parti di Ginevra, e io Ginevra non la posso vedere neanche senza occhiali (che nel mio caso equivale a vederla poco o niente) e la sua storia la conoscono anche i muri, perciò non mi sembra il caso di aggiungere altro.
Visto che ho aperto la parentesi “personaggi”, dico anche qualcosa su Ryderc: piuttosto che odiarlo per i suoi progetti, ho finito quasi per compatirlo, un po’ per sfortuna un po’ per incapacità si è trovato a prendere sempre le scelte sbagliate. 
Degli altri personaggi ci vengono mostrati scorci delle loro vite, delle loro missioni che ci trasportano in un’epoca di condottieri più o meno valorosi, ma perlopiù rimangono comparse sullo sfondo.
Se il primo libro aveva suscitato curiosità e aspettativa su come l’autore avrebbe gestito il fattore “magia” e il destino di Merlino, il secondo perde ogni attrattiva quando tutto questo trova risposta, il che risale circa a metà libro. Insomma, questa storia ha del potenziale che non viene sfruttato pienamente, lascia con un grande punto di domanda. Manca coinvolgimento, una trama più dinamica, manca la scintilla che rende un libro appassionante.
Non riesco a sconsigliarvelo, ma se volete leggerlo prendetelo in prestito.
Yvaine