Editori e blogger a rischio di autoreferenzialità?

“Le conseguenza sono molteplici: più libri vuol dire meno tempo per sceglierli, lavorarli e promuoverli. Ma anche meno tempo a disposizione di ogni libro per trovare i propri lettori. Il risultato? Abbassamento della qualità, crollo del tempo di permanenza sullo scaffale, ridotto a volte a poche settimane, vendite medie sempre più basse.”

Andrea Coccia, articolo su Linkiesta
Qualche giorno fa ho letto questo articolo molto interessante che vi consiglio di leggere, dove in sostanza si dice che il vero problema in Italia sono i troppi libri pubblicati in relazione al numero, sempre più o meno stabile, di lettori.
Voi non avete mai avuto questa impressione? 
Io, francamente, molto spesso. 
Questa sovrabbondanza non riguarda solo le big del settore: ci sono case editrici minori che hanno aumentato i ritmi e pubblicano un numero di titoli simile a quello dei grandi marchi, e mi chiedo se non ne risenta la pubblicizzazione dei vari libri e autori.
Per non parlare poi del selfpublishing: a prescindere dal fattore qualità, non essendoci il filtro di un editore, contribuisce enormemente all’incremento dei libri sul mercato.
Ed ecco che ci troviamo con una produzione ingigantita.
Per fare un esempio banale e personale. Ora, a tutti piacerebbe avere una libreria in stile La Bella e la Bestia, ma posso dirlo? A me le librerie troppo grandi e con troppi libri mettono ansia: non so dove mettere prima le mani, da dove cominciare a guardare, cercare, spulciare, c’è talmente tanta roba che non mi basterebbe un giorno intero per leggere tutti i titoli e le trame. E allora preferisco non guardare o limitarmi a una piccola sezione. La stessa cosa mi succede pensando al mercato del libro: troppi titoli, troppo poco tempo.

Insomma, la freneticità delle nostre vite ha contagiato anche il mondo della lettura.
C’è da preoccuparsi? 
Francamente, sì.

La lettura è passione, è relax, ogni libro richiede tempistiche differenti. Non è una maratona, non è fare a gara a chi legge più libri in un anno. A che pro leggere in fretta se poi non si ricorda niente?Questa situazione mi ha portato a riflettere e mi sono resa conto che non è solo un problema di case editrici, ma una questione di mentalità e di società.
Ci sentiamo tutti opinionisti, tutti critici, tutti scrittori. Ognuno sente il bisogno di dire la propria e il web diventa una cacofonia di voci, di storie, di opinioni e la maggior parte di esse, spesso, vengono ignorate.

Basta abbasare lo sguardo, abbassare un po’ il tiro, per rendersi conto che tutto questo parte già da noi. Noi, sì, noi blogger. Parliamo di qualcosa che conosciamo meglio.
Ci si trova a dover gestire mille rubriche e iniziative, ci si sente in dovere di pubblicare almeno un post al giorno, almeno una recensione a settimana… ma poi, effettivamente, c’è qualcuno che legge e che commenta? Siamo tutti troppo presi dal dire la nostra e così ci si dimentica che è importante anche sentire il parere degli altri. Troviamo il tempo di scrivere i nostri articoli, ma non di leggere quelli altrui e, chissà, magari funziona così per altre cose, altri ambiti, per lo scrittore che deve rispettare la scadenza con la casa editrice e non trova il tempo per leggere.  
Questo, per me, significa perdere di vista l’obiettivo, il senso del “dire la propria”, del comunicare e condividere la propria idea, che sia tramite l’articolo di un blog o di un nuovo romanzo: se nessuno legge, se nessuno trova il tempo di commentare, diventa come parlare con un muro.

Questa non vuole essere un’aspra critica a case editrici o blogger, è semplicemente una riflessione, partendo dal presupposto che anche io, già da questo articolo, dimostro di rientrare nella categoria del “voler dire la propria”. Tutti ne facciamo parte ed è indubbiamente difficile discostarsene.
Molto spesso questo aspetto mi porta a voler chiudere il blog: è vero che scrivo soprattutto per me stessa, ma a volte è frustrante non vedere interesse dall’altra parte.
Quindi il mio invito è ciò che mi riprometto io stessa di fare: tornare ad ascoltare e a confrontarsi.

Ps: se siete interessati all’editoria, vi consiglio di leggere anche questo articolo che parla della distribuzione. Fa riflettere e dà il quadro di una situazione veramente disastrosa.

#Pisa Book Festival: intervista a Giordana Gradara

Come anticipato qui, ho avuto il piacere di incontrare Giordana Gradara con cui ho scambiato quattro chiacchiere. 
Per chi non lo sapesse, è stata la prima editrice che ho intervistato per SEMEPI
Vi siete persi l’intervista? 
Molto male, ma potete sempre recuperarla qui: Intervista Plesio Editore.
Dopo questa breve introduzione veniamo subito a noi, ché ci sono tante cose interessanti da leggere!
PBF Giordana Gradara SEMEPI.jpg

È la prima volta che venite al Pisa Book Festival? 
Sì, è il primo anno che partecipiamo a questa manifestazione. Ne abbiamo sempre sentito parlare bene e la nostra posizione geografica ci pone a metà fra Pisa e Chiari, in provincia di Brescia. Fino all’anno scorso entrambe le città ospitavano due manifestazioni dedicate alla microeditoria, Chiari ci era più comoda, quindi abbiamo sempre preferito l’altra location. Quest’anno finalmente hanno capito che potevano anche essere fatte in due date diverse, quindi l’altra settimana eravamo al Festival della MicroEditoria di Chiari e oggi siamo qui.

Ho visto appunto che partecipate a molte fiere: avete riscontrato qualche differenza per quanto riguarda il pubblico delle varie manifestazioni? 
Una fiera è assolutamente diversa dall’altra, e la stessa fiera, di anno in anno, non presenta lo stesso tipo di pubblico, è sempre una scoperta nuova. In linea di massima posso dire che ho trovato delle differenze come preferenza di un genere piuttosto che di un altro tra le varie regioni, ma cose comunque molto aleatorie. Possono anche essere smentite al prossimo incontro.

Più o meno qual è la tendenza delle varie regioni? 
Ho visto che ultimamente c’è stata un’ondata di Urban Fantasy associato al Paranormal Romance,anche se sono due cose diverse, soprattutto per quel che riguarda il sud Italia, fino a Roma, mentre al nord persiste ancora, abbastanza forte, l’amore per il fantasy classico. È una cosa in linea ovviamente generica.

Qual è il panorama delle case editrici italiane? Quanto è difficile aprire una nuova realtà editoriale e mantenerla, oggi? Si può o spesso rimane solo un sogno? 
Il panorama è abbastanza grigio. I lettori sono sempre di meno, i libri sempre di più. Diciamo che sopravvive chi trova la sua nicchia di mercato e fa di tutto per non deluderla. I guadagni son risicati, ma tutto dipende dalle aspettative, e dall’investimento iniziale. Tra l’altro è complicato risponderti, perché ci sono pubblicazioni più facili da vendere e altre più complesse. Diciamo che comunque stiamo parlando di una bella sfida.

E il panorama del fantasy in Italia? Spesso come genere viene screditato, ma poi col boom di Game of Thrones, per dirne una, sembra essersi creato un fenomeno che attira molti fan, dando forse un nuovo futuro al genere. E’ un’impressione o c’è davvero una ripresa? E’ la mentalità dei lettori che deve cambiare o qualcosa anche nel tipo di trame proposte? 
Non so se sia cambiato qualcosa. Si diceva lo stesso del fenomeno Signore degli Anelli. Credo che sia un genere che goda di interesse ciclico. In realtà la nostra forza è attirare sia il lettore occasionale, magari attratto proprio dallo spopolare del momento, che quello già esperto e navigato del mondo della fiction. Non penso che debba essere il lettore a cambiare. Noi costruiamo un prodotto per lui, è più logico che siano gli autori e gli editori a muoversi secondo i suoi desideri. Certo, se poi vogliamo parlare di cultura del fantastico (o della lettura in genere), questo è un altro paio di maniche.

Veniamo alle spine! Nel dibattito Torino-Milano come si inserisce una casa editrice indipendente come la vostra? 
La nostra casa editrice spalleggia Torino, anche perché, per come si sta ponendo tutta la questione, Torino punterà effettivamente sulla qualità. Anzi, i tanti difetti che ha avuto fino allo scorso anno il Salone di Torino, come ospitare alcuni editori dalle politiche non troppo etiche, verranno eliminate, mentre la fiera di Milano è ancora prettamente commerciale. Consideriamo che quest’ultima viene spalleggiata dall’Associazione Italiana Editori, la quale è composta prevalentemente dai grandi marchi. Piccolo aneddoto: quando noi abbiamo fatto richiesta d’iscrizione all’AIE alcuni anni fa, perché per fare scolastica devi essere forzatamente iscritto, non ci hanno mai risposto.

Sì, ho visto che molti hanno lasciato all’AIE. 
Molti editori sono usciti dall’Associazione Italiana Editori, tra l’altro ne è stata aperta un’altra che è l’associazione Amici del Salone del Libro di Torino, che ovviamente spalleggerà il Salone. Non abbiamo ancora visionato il regolamento della nuova associazione, quindi non so se aderiremo o meno, però come fiera ci sta piacendo molto di più l’impostazione che ha Torino, e mi è piaciuta anche molto la risposta, che ho visto in maniera parziale, dei torinesi. Tra i miei autori tre sono torinesi e sono tutti e tre inviperiti. Secondo me la città di Torino reagirà benissimo, questo sarà il Salone che veramente cambierà la direzione e lo rinnoverà. Dato che il personale del Salone di Torino dello scorso anno ora lavora alla fiera di Milano, quest’anno avremo a che fare con persone che al Salone lavoravano nel retrobottega, senza aver modo di far valere le loro idee, che secondo me invece sono molto valide.Lo scorso anno avevamo a che fare con il personale del Salone del Libro di Torino che bellamente quest’anno lavora per il Salone di Milano il che, secondo me, è molto positivo perché ha dato modo di svecchiarsi relativamente, perché quest’anno abbiamo a che fare con alcune persone che l’anno scorso lavoravano diciamo nel retrobottega e non avevano modo di far valere le loro idee, che secondo me invece sono molto valide. Quelli con cui ho avuto a che fare fino a questo momento sono tutti molto giovani, hanno idee innovative e sono molto motivati.

Ho visto anche che, finalmente, hanno fatto degli sconti per gli stand. 
Finalmente c’è un’associazione del libro con annessa fiera che si mostra aperta o comunque disponibile verso la piccola editoria. Non potevano fare diversamente: se la grande editoria va a Milano è logico che qualcuno devono riuscire a farlo rimanere, e per farlo devono offrire degli stand vantaggiosi. Una cosa molto bella che hanno fatto è stato collaborare col Politecnico, non so se questo si sa. Quest’anno tutta la manifestazione non sarà più disegnata con i soliti stand lineari, ma verranno progettati, almeno per quelli per cui la progettazione verrà effettivamente affidata al Politecnico, degli stand open space.

Spesso un lettore preferisce acquistare i libri su Amazon o simili piuttosto che in libreria. Questo come influisce sulla casa editrice e sulle vendite? È importante richiedere un vostro titolo in libreria, vi consente più visibilità o non c’è alcuna differenza? 
La situazione ideale per noi si ha o con la vendita diretta in fiera o sul sito, così abbiamo anche il rapporto diretto con il lettore soprattutto, c’è modo di conoscersi, di tastare il polso, vedere che cosa piace e che cosa viene richiesto o no. Diversamente i nostri libri sono tutti ordinabili tranquillamente per quel che riguarda il discorso online, relativamente per quel che riguarda il discorso librerie. Che un libro venga venduto da IBS, da Amazon o dalla libreria sotto casa per noi è uguale perché il nostro distributore è sempre lo stesso, per l’uno e per l’altro canale. E’ logico che avere una libreria disponibile a ordinare un nostro titolo, per noi è un vantaggio. I nostri titoli sono distribuiti da Libro Co che è un distributore toscano, ma si occupa di distribuzione a livello nazionale ed è anche partner FastBook. Quindi sono ordinabili in tutte le catene IBS, Ubik senza problemi e in realtà da qualsiasi libraio indipendente. Poi prendiamo accordi anche direttamente con le librerie, laddove ci fossero delle librerie disponibili, ma questo di solito succede solamente quando si ha una libreria di genere, come la Miskatonic di Reggio Emilia o un’altra che ha aperto da poco a Torino.

Mi chiedevo: se c’è richiesta di quel dato libro, il libraio è portato a tenere qualche copia in negozio. 
A livello teorico sì, a livello pratico generalmente il libraio ordina semplicemente quella che gli viene chiesta e poi forse, ma… (Insomma, abbiamo capito che non va proprio così!)

Una pubblicazione digitale può risolvere in parte il problema? Forse attira più lettori, anche fra chi guarda con scetticismo verso realtà più piccole, per i bassi costi degli ebook. E, a questo proposito, perché esiste così tanto divario tra i prezzi degli ebook di un grande marchio e quelli di una casa editrice minore? Su cosa si basa il prezzo di un ebook? 
Sfortunatamente la piccola/media editoria, con i suoni numeri e la sua distribuzione, non può permettersi di ridurre il prezzo di copertina ai livelli dei grossi editori, che di solito tra l’altro posseggono anche direttamente gli stabilimenti tipografici, l’azienda di distribuzione e –spesso- la rivendita, potendosi permettere così di abbattere i costi. Non ho la presunzione di sapere il perché i grandi marchi continuino a mantenere alto il prezzo degli ebook, posso solo avanzare delle ipotesi. In un mercato in crisi, dove per noi piccoli il digitale rappresenta una grossa opportunità, per il grande editore rappresenta invece un campo in cui il suo – passami il termine- monopolio di distribuzione viene sensibilmente ridotto. È vero che anche nel digitale il grosso marchio ha una visibilità cento volte superiore alla nostra, ma è altrettanto vero che comunque chiunque cerchi un nostro ebook è in grado di trovarlo e non si trova di certo di fronte alle problematiche classiche di chi ordina un titolo di un piccolo editore in una qualsiasi libreria (problematiche tra l’altro presenti spesso anche quando si parla di libri distribuiti comunque da un distributore nazionale). In sostanza, penso che per i grandi gruppi il digitale rappresenti il pericolo di allargare il mercato a concorrenti se non pericolosi presi singolarmente, sicuramente spaventosi considerati nel loro insieme. Del resto, uniti, gli editori medi e piccoli rappresentano oltre l’80% del totale (indagine ISTAT sulla produzione libraria del 2015). Per concludere, credo che la politica del prezzo alto dell’ebook utilizzata dalla grande editoria trovi la sua ragion d’essere proprio nel tentativo di sabotaggio del mercato digitale. Impossibile, credo, ma di certo anche se si trattasse di una mossa incapace di arrestare questo fenomeno, di sicuro si tratta di una strategia idonea a rallentarlo.

Grazie mille della disponibilità. 
Grazie a te e buon proseguimento.

Spero che vi sia piaciuta e che l’abbiate trovata interessante!
A domani per la prossima intervista!