Anime&Manga: Pandora Hearts

Buon mercoledì, amici lettori!
Come avete potuto notare dal titolo e dalla foto, questo post è dedicato al mondo  giapponese dei fumetti, anche se in particolare oggi vi parlerò di un anime.
E’ da un po’ che volevo riprendere con le recensioni di questo tipo, ma ho voluto aspettare di finire di guardare tutti gli episodi.. e devo dire di aver fatto bene.
Ma cominciamo subito conoscendo la trama del mangaka Jun Mochizuki.

Trama

E’ il quindicesimo compleanno di Oz Besarius, appartenente ad una delle famiglie che rientrano nei quattro Granducati. Ed è un giorno molto importante, perché il quindicesimo compleanno rappresenta il passaggio dall’adolescenza alla maturità e ciò avviene tramite una celebrazione che deve tenersi di fronte all’Orologio Silente che da più di cento anni ha smesso di segnare il tempo. Ma proprio quando Oz sta per finire di pronunciare il suo giuramento, le lancette dell’orologio si muovono e compaiono quattro figure misteriose e incappucciate che accusano il ragazzo di un grave peccato, la sua stessa esistenza, e infine lo gettano nell’Abisso, l’orrenda dimensione parallela al mondo dove vengono rinchiusi i criminali più spietati e da cui provengono le Chain, esseri che sfruttano le debolezze degli esseri umani per stipulare un patto con essi e prosciugare le loro energie. Cosa vuol dire che l’esistenza di Oz è un peccato? Chi erano quegli uomini vestiti di rosso? E come fare per uscire dal tortuoso Abisso? Forse con un contratto.. Ma Oz è pronto per sapere la verità e pagarne il prezzo?

Commento

Pandora Heart è un anime composto da 25 episodi della durata di 24 min circa e ci sono anche 9 oav, rintracciabili su youtube, della durata di 3 minuti circa e sono davvero molto divertenti ^^

L’anime è stato tratto, come al solito, dall’omonimo manga, composto per ora da 17 volumi e ancora in corso in Giappone. Per quanto riguarda la sua uscita in Italia vi posso dire con enorme piacere che il mese di ottobre uscirà il primo volume. Oh cielo, che trepidazione!!
Ma io proprio non posso aspettare, quindi credo che in questi mesi cercherò di reperirli in altro modo e poi me li comprerò ugualmente una volta usciti in edicola.
Ora che vi ho dato le informazioni principali, passiamo alla mia opinione sulla trama, anche se avrete già capito che di certo non l’ho disprezzato come anime.
Dunque, non ricordo come sono venuta a conoscenza di questo anime, ma è stato sicuramente un bene. La trama, per gli amanti dei misteri, può essere davvero accattivante: uomini incapucciati, l’Abisso intricato e oscuro con tutte le sue creature, la leggenda dell’Orologio Silente che parla di un prescelto, il peccato di Oz e la verità su fatti accaduti cento anni prima su cui tutti voglio fare luce, mentre quelli che ne hanno notizia fanno qualsiasi cosa pur di mettere tutto a tacere.

Ditemi se non è intrigante!! Per non parlare poi dei personaggi che ho apprezzato molto, in egual misura direi: dal più classico personaggio allegro e burlone Oscar allo stravagante e incomprensibile Break; ma andiamo con ordine.
Oz è un protagonista coi fiocchi a mio parere. Non è il solito protagonista senza un’imperfezione, che sa fare tutto, che ha particolari abilità nel combattimento, anzi, non partecipa attivamente alle lotte, dietro quel sorriso si celano tutt’altre emozioi, è piuttosto insicuro anche se a prima vista non si direbbe e sbaglia, come tutti gli altri esseri umani, ma dalla sua parte ha l’intelligenza e la furbizia. Subito forse risulta un po’ difficile inquadrarlo o almeno non si pensano queste cose di lui, ma col tempo si impara a conoscere Oz e si cresce insieme a lui, passo dopo passo.
Anche Alice, la protagonista femminile dell’anime, è abbastanza singolare: sbruffona, rozza e schietta, ma anche lei come Oz deve fare i conti con se stessa, ritrovare la memoria perduta e capire chi è davvero Alice.
E Raven.. che dire di lui!! E’ fa-vo-lo-so *w* Forse sì, sto parlando solo del suo aspetto fisico, o forse è solamente che ho un debole per i tipi un po’ tormentati e tenebrosi xD
Insomma, per farla breve, ognuno di loro è entrato nel mio cuore e credo che per il momento non abbiano nessuna voglia di uscirne. Ma comunque non lo permetterei u.u
Alcune Chain, anzi, la maggior parte, sono un po’ inquietanti, specialmente nella prima puntata. Quando l’ho vista pensavo che la sera non sarei riuscita ad addormentarmi xD
C’è chi ha criticato un po’ l’anime dicendo che la storia è lenta a cominciare e per le prime puntate non succede molto. Mah, forse è vero, ma di certo non sono episodi noiosi da vedere, servono anche per conoscere i personaggi e per inquadrarli pian piano.
Ci sarebbero molte cose da dire di quest’anime, ma mi fermo qui, altrimenti finisco per spoilerarvi troppo.
Comunque.. Purtroppo per noi la serie ha un finale un po’ ambiguo e cercando notizie sul web sono incappata in una recensione che consigliava di leggere il manga, dato che l’ultima puntata dell’anime era stata fatta prima ancora che il manga fosse andato più avanti. Quindi se a spaventarvi era il finale ambiguo non preoccupatevi, visto che le scann del manga sono facilmente reperibili e che comunque lo vedremo presto nelle fumetterie.

Ho paura di  non sono umana. Ho paura di essere differente dalle altre chain, ho paura
delle cose che non conosco. Ho paura delle cose che già so. E sempre, più di qualsiasi cosa, ho paura di me stessa!
“Alice
Voto: 

Vi lascio con queste tre splendide canzoni! ^^

 

Annunci

Soul Eater..! ;)

Trama:


La squadra al completo! =)
La storia di Soul Eater prende vita in un particolare istituto, la Shibusen.
“Shibusen” è un acronimo, e sta per “Shinigami Buki Shokunin Senmon Gakkou”, ossia “Scuola di Specializzazione per Shokunin e Buki di Shinigami”.
Shokunin e Buki: due tipologie di studenti che sono alla base dell’intreccio di Soul Eater.
Gli studenti Buki (“Armi”) sono in grado di passare dalla forma umana alla forma appunto di arma, venendo così impugnati dai relativi studenti Shokunin (Maestri d’Armi) ed utilizzati in combattimento.
La scuola, situata nella città di Death City (Nevada, USA), è gestita da Shinigami-sama, un dio della morte, ed ha come scopo la formazione di questi studenti per prevenire la rinascita dei Kishin, creature malvagie che non hanno resistito alla tentazione del cibarsi di anime umane.
Obiettivo degli studenti è il fare in modo che le Buki possano diventare Death Scythes, letteralmente “falci della morte”, ed in questo modo renderle utilizzabili da Shinigami-sama in persona.
Per raggiungere dello stadio di Death Scythe, le Buki devono mangiare 99 “uova di Kishin” (ossia anime umane diventate malvagie) ed infine un’anima di una strega.
La solita e immancabile luna! Mi piace!! xD
(Tratto da questa pagina: Soul Eater Italia)

Questi invece sono altri personaggi principali dell’anime.
Ed è su queste premesse che si basa la storia di Maka, Soul, Tsubaki, Blackstar, Death the Kid, Elizabeth e Patricia Thompson, che inizialmente si concentrano sulla raccolta delle anime per diventare Death Scythes, ma alla fine si ritroveranno ad avere come obiettivo principale sconfiggere i temibili nemici che minacciano la Shibusen e il mondo..


Il manga..
Del manga purtroppo non so dirvi molto, se non quello che trovate su wikipedia, ovvero che i fumetti usciti sono 19 ma la serie è ancora in corso.. I manga comunque li ho visti anche in libreria per chi fosse interessato. Per chi invece non ha la possibilità di acquistarlo e avete difficoltà a trovarlo sul web posso cercare di darvi una mano ^^
Commento:
Non so mai cosa mettere nei commenti degli anime.. perdonate quindi se sono un po’ asciutta, ma d’altra parte un po’ devo risparmiare un po’ i vostri poveri occhi! Comunque.. è un anime di 50 puntate (scusate, non ricordo il numero preciso ma si aggira sulla cinquantina) davvero carino e a parer mio originale e divertente. Sicuramente uno tra i miei preferiti e che ricorderò sempre con piacere! Oooh, e quanto mi è dispiaciuto quando ho guardato l’ultima puntata..! Sto sperando ancora in un seguito ma non saprei.. vi tengo aggiornati! =)
Mi permettete, come al solito, di lasciarvi con un ending del cartone? ^^’

Voto: *****
Alisa

Inuyasha

Oggi vi presento questo lavoro di Rumiko Takahashi.. InuYasha!!! =)

Trama:

Kagome è una ragazza di 15 anni che vive in un tempio Shintoista e conduce la sua vita tranquilla, dividendosi tra famiglia, scuola e amici, finchè un giorno non le capita qualcosa di straordinario e pazzesco. Una mattina, mentr cercava di recuperare il suo gatto, cade in un pozzo sacro che si trova nel tempio e viene immediatamente catapultata nel Giappone dell’epoca Sengoku. Un po’ spaesata, cerca comunque di orientarsi e di capire dov’è finita, ma un terribile mostro non le dà neanche il tempo di respirare che l’attacca. Presa dal panico inizia a correre per la foresta, finchè non vede uno strano ragazzo inchiodato al tronco di un albero da una freccia. Giungono immediatamente delle persone vestite in modo particolare e la portano in un villaggio vicino, al cospetto della saggia Kaede. Ella si rende subito conto dei poteri di Kagome e nota la rassomiglianza con la sua defunta sorella, Kikyo, deceduta 50 prima. Al villaggio però arriva strisciando anche l’odioso demone millepiedi che cerca nuovamente di uccidere la ragazza. Kagome scappa e passa casualmente accanto all’albero che aveva visto prima. Messa spalle al muro, decide di liberare il ragazzo che l’aiuta a sconfiggere la creatura malefica ma, una volta ucciso il demone, Inuyasha aggredisce Kagome perchè vuole impossessarsi della Sfera dei Quattro Spiriti, un gioiello capace di soddisfare desideri di uomini e demoni e capace di aumentare la forza di chi lo possiede, pericolossissimo se cade nelle mani sbagliate.

Tuttavia prima che il mezzodemone possa fare del male alla giovane straniera, Kaede infila al collo di Inuyasha un rosario magico con il quale Kagome può immobilizzarlo con una semplice parola.
I due decidono così di allearsi per proteggere la sfera. Fin da subito vengono attaccati dai demoni e proprio mentre cercano di sottrarre la sfera ad uno di essi, una freccia di Kagome colpisce il gioiello mandandolo in mille pezzi. I due giovani sono così costretti ad intraprendere un lungo viaggio alla ricerca dei frammenti, che permetterà loro di fare nuove esperienze, di conoscere nuovi amici e affrontare nemici sempre più potenti.     

Miroku 😉
Sango e Kirara!  

Shippooooo ^O^
La squadra al completo! =)

Questo anime è composto da sette serie, ognuna più o meno composta da 26 episodi. Può sembrare una serie piuttosto lunga, ma vi assicuro che è piacevole da vedere ^^ (Sta parlando una che segue un anime di ben 490 puntate e passa.. ancora non è concluso xD) In alcune puntate la storia non subisce sviluppi o particolari cambiamenti, ma alla fine staccare un po’ dalla trama non fa poi così male.. Che dire ancora? E’ un anime divertente e non mancano mai le risate, soprattutto più a vanti quando alla compagnia si aggiungerà Shippo, il tenerissimo demone volpe che stuzzica Inuyasha, Miroku, il monaco pervertito e Sango, la sterminatrice di demoni gelosona! (E non ha neanche tutti i torti, fidatevi u.u)
Per chi non ne avesse voglia di seguire il cartone.. consiglio comunque di cercare sul web le OST di Inuyasha perchè sono davvero belle! Vi lascio di seguito con ancora qualche immagine e due canzoncine! =)
Ps: esistono anche degli OAV e i manga sono in tutto 56 ^^

Every heart, una delle ending ^^

Crossing time.. bellissima OST!!



Voto: assolutamente *****!! 

Alisa

Host Club!!

Haruhi Fujioka è una ragazza determinata ed intelligente, ma non molto sveglia quando si tratta di affari di cuore: orfana di madre sin da quando era piccola, è cresciuta con il padre che fa il travestito in un bar per soli uomini. Quando si trova a decidere che liceo frequentare, a sorpresa sceglie il prestigioso istituto Ouran, una scuola per figli di persone facoltose alla quale riesce ad accedere grazie ad una borsa di studio.
Un giorno, mentre cerca un posto tranquillo dove studiare, finisce nell’aula di musica dove – a sua insaputa – ha sede il celebre Host Club, un’associazione nata dalla collaborazione dei sei ragazzi più belli e ricchi della scuola, che si occupa di intrattenere, dietro compenso, le studentesse dell’Ouran. Purtroppo per lei il suo primo approccio col club non è fortunato e finisce col rompere accidentalmente un prezioso vaso antico. Per ripagare il danno i membri del club, che a causa del suo aspetto mascolino e trasandato la credono un ragazzo, prima le propongono di diventare il “cane dell’Host Club”, vale a dire una specie di valletto tuttofare, salvo poi arruolarla ufficialmente tra i membri dell’associazione quando scoprono che, una volta messa in ordine, anche Haruhi può fare la sua parte come intrattenitore.
Naturalmente il segreto sul sesso della protagonista non dura a lungo, ma Haruhi, grazie al suo carattere sensibile e altruista, finisce comunque col farsi benvolere da tutti i suoi compagni e a mantenere il suo ruolo all’interno del club…  
La serie animata è composta da 24 episodi della durata di 20 minuti,come ogni anime. I tankbook invece sono 18.
Come si può notare dalle immagini è uno Shojo molto divertente e spiritoso. Può sembrare un po’ sciocco, ma.. io l’ho trovato assolutamente IR-RE-SI-STI-BI-LE e anche diverso.. Le commedie romantiche a sfondo scolastico difficilmente si distinguono le une dalle altre, questa invece mi è proprio rimasta nel cuore e spero presto di trovare anche il manga, sicuramente diverso dal cartoon.
Per chi avesse intenzione di provare ad addentrarsi nell’Ouran.. beh, fatemi sapere cosa ne pensate in un commento qui sotto, e io, se riceverò notizie sull’uscita di una seconda serie.. sarò ben felice di aggiornarvi! =)
Vi lascio con la sigla giapponese dell’anime e mi raccomando: quando è possibile guardate gli anime sub ita!! 😉