Liebster Blog: grazie Morgana! *v*

Buonasera a tutti, miei cari lettori! ^^
 
Oggi pomeriggio guardate che sorpresa ricevo da Morgana, del blog Over the hills and far away ? Già già, questo graditissimo premio: Liebster Blog!
 
 
 
Che cos’è il Liebster Blog?
La parola Liebster deriva dal tedesco e significa “amabile”. In questo caso, blog preferito. Ogni blogger che lo riceve deve consegnarlo ad altri cinque blog preferiti, con meno di duecento follower, altrimenti un sortilegio di antica tradizione gli farà perdere tutti i capelli (non credo sia questa la causa ma meglio non sfidare la sorte).
Anche qui abbiamo delle piccole e semplici regole da rispettare; vediamo quali sono:
  – Il ricevente del premio dovrà ringraziare il blog che 
l’ha premiato (e questo viene spontaneo) e linkarlo.
– Dovrà copiare e incollare l’immagine del Liebster Blog.
– Scegliere cinque blog meritevoli con meno di duecento iscritti.
– Avvisare i blogger con un commento sul loro blog.

E ora, ecco i 5 blog che ho scelto!

Grazie, grazie, grazie e ancora grazie!! Sia a Morgana che a tutti voi che continuate a seguirmi! Un bacio e un abbraccio!! 🙂
Annunci

Firelight- La ribelle

Firelight- La ribelle, di Sophie Jordan, primo libro di una trilogia composta da:
Firelight- La ribelle;
– Vanish;
– ???

Iniziato il: 15/01/2012
Finito il: 21/01/2012

Trama

Chiudete gli occhi. Immaginate di trovarvi davanti una strana creatura, incredibile e bellissima con arti agili e possenti, artigli al posto di mani e piedi, un volto dai lineamenti affilati e aguzzi, con creste appuntite sul naso, gli occhi dalla pupilla verticale e la pelle.. pelle di scaglie, pelle di drago, le membrane delle ali attraversate da diverse sfumature di colore luminose.
Adesso aprite gli occhi. Non è più necessario immaginare, perchè quella creatura è reale: si chiama Draki.

Sì, Draki, non draghi. Non lo sono più da secoli, sono solo un vago ricordo dei loro antenati, una piccola fiammella di una candela che sta per consumarsi per sempre a causa degli spietati Cacciatori che danno loro del filo da torcere. Li cercano, li scovano, li perseguitano, li uccidono.
Jacinda fa parte di uno dei clan sopravvissuti che per tutelarsi si è insediato sulle montagne, vicino alle foreste, tutto circondato di nebbia. I Draki hanno leggi ben precise che nessuno può azzardarsi a violare, come ad esempio librarsi nell’aria durante il giorno o far scoprire ad un essere umano che in fondo anche i Draki hanno una parte umana e sono in grado di assumerne le sembianze. Neanche a Jacinda Jones, l’esemplare più speciale del suo clan e forse anche di tutti gli altri, è permesso trasgredirle, ma la sua natura ribelle la spinge a infrangere per l’ennesima volta le regole, solo che questa volta è riuscita a mettere in pericolo se stessa e l’intero clan e sarà proprio con i suoi componenti che dovrà vedersela. Non essendo più disposti a tollerare le sue svolazzate notturne e non potendo permettere che l’unica sputafuoco esistente da generzioni rischi di morire, sono pronti a prendere qualsiasi decisione. Ma prima che qualcuno possa muovere un passo e annunciare la decisione presa dal clan, la madre di Jacinda decide di fuggire con le sue due figlie.
Da quel momento per le tre donne comincia una nuova vita, fatta finalmente della normalità che la madre e la sorella Tamra desideravano da tanto tempo. Ma Jacinda no, lei è una draki, non può rinunciare a quella parte di lei, lasciare che muoia, prosciugata dal clima secco di Chaparral. Inoltre a frequentare la scuola in cui la madre ha iscritto le figlie è anche un giovane e aitante Cacciatore. Come riuscire a gestire una così difficile situazione, fatta di conflitti interiori per capire se è davvero disposta a creare dispiacere alla sua famiglia pur di vedersi libera, e come riuscire a calmare quel pizzicore, quel brivido che la percorre e le fa brillare la pelle quando sente nei paraggi il Cacciatore?
C’è una sola risposta. Jacinda dovrà crescere.

Commento

Firelight porta una ventata d’aria fresca nella categoria Young Adult, allontanandosi dalla lunga scia di vampiri, angeli e licantropi per lasciare spazio ad una nuova razza metà umana e metà con sembianze di drago. Non ho trovato nulla di insensato nelle loro doti o caratteristiche; infatti ci tengo a precisare una cosa che forse dalla trama che ho scritto non risulta poi chiara: il loro manifestarsi in forma Draki è dovuto ad emozioni impetuose, quindi il fatto che la loro pelle si illumini lo interpreto come una ruga di rabbia o una vena in tensione.. nulla a che vedere con lo sbrilluccichio di Edward Cullen, insomma.
Se devo essere sincera però, ho fatto un po’ fatica ad immaginarmeli, probabilmente è dovuto al semplice fatto che nessuno prima d’ora ne ha mai parlato e non ho nessuna immagine da cui prendere spunto.
Inoltre non si può dire che i problemi che Jacinda deve affrontare nel corso del libro siano insensati o assillanti. E’ vero, sono le fondamenta su cui si basa il libro e vengono portati fino all’ultima pagina, però questo fatto non mi ha annoiata o esasperata perchè, se ci soffermassimo a pensare alla validità delle difficoltà da superare, quanto sia arduo decidere, ci accorgeremmo che in effetti non è così semplice prendere posizione. Un fattore che forse aiuta il lettore a superare anche l’eventuale noia è sicuramente lo stile. Di solito non approvo l’utilizzo di frasi brevi dove non c’è una situazione in cui conviene creare suspance e, infatti, anche in questo libro all’inizio mi dava un po’ fastidio, tuttavia poi mi sono accorta che è di grande aiuto allo stile in prima persona: si viene a creare un ritmo incalzante che ti rende partecipe, fa breccia dentro di te e ti fa sentire un po’ Jacinda.
Essendo il primo di una trilogia mi aspetto molto da questo libro che è riuscito a emozionarmi, a farmi distogliere momentaneamente lo sguardo dai compiti per rivolgerlo alla copertina e desiderare l’arrivo del weekend per poterlo continuare, è riuscito a farmi partecipare attivamente alle vicende narrate.
Essendo appunto una trilogia è quindi possibile che sia solo un libro-introduzione, come li definisco io, ovvero un libro in cui viene sono introdotta la storia che poi verrà ampliata e gestita meglio nei seguiti. Sono certa – o almeno lo spero – che il secondo libro prenderà una piega più avventurosa e che approfondisca la cultura dei Draki e qualche particolare sui Cacciatori.
Per questo do 4 stelline e non cinque: attendo la conferma del secondo volume della trilogia!
Lo consiglio alle lettrici romantiche e anche a coloro che, pur non andando pazze per il genere rosa, non disprezzano un po’ di amore sincero e appassionato e un buon libro da divorare in soli due giorni! 😉 **Sì, ho impiegato sette giorni per finirlo, ma in realtà ne ho letto metà domenica 15 e ripreso solo sabato 21 😦 **

Voto: ****
About Vanish: Trama in inglese avrei voluto provare a tradurvela io, ma sono a corto di tempo.. al limite modificherò più tardi il post.. scusate!! 😦
Yvaine

The Versatile Blogger anche per il Pozzo! *w*

Ed eccoci qua!
Sono felicissima di aver ricevuto quest’altro premio per il blog, è davvero un onore!! Devo ringraziare sia Nereia, del blog LibrAngolo Acuto, che Arwen, del blog Il Rifugio degli Elfi, dalle quali ho ricevuto questo premio ^^

Vediamo un po’.. Secondo il regolamento devo dirvi sette cose che mi riguardano e assegnare il premio a quindici blog che secondo me meritano di riceverlo!
E però cosa mi è rimasto da dirvi?? Uff.. pensiamo un po’!

1. Una delle cose che odio di più e che non tollero è quando qualcuno non mi crede e mi accusa di essere bugiarda. Lo so, a volte non è semplice credere a qualcuno, anche a me capita di mettere in dubbio certe cose, però non sopporto quando a farlo sono le persone a cui tengo di più e non provano a considerare l’ipotesi che possano aver torto, così non mi danno neanche la possibilità di dimostrare la mia innocenza.

2. Per circa tre anni ho fatto pallavolo seguendo corsi utilizzati dalla scuola. Avrei dovuto partecipare anche ad una partita, ma ero talmente terrorizzata che, quando ho saputo di dover partire quella domenica, ho fatto i salti di gioia.. Ho dovuto fare anche i conti con la mia coscienza.. mi sento ancora un po’ codarda =S

3. Dovete sapere che quando ero poco più di un tappo di bottiglia odiavo leggere.. Proprio l’altro giorno mi sono ricordata con quale libro ho fatto uno dei miei primi tentativi – lo vedete qui a fianco. Dal giorno che mi è stato messo sotto il naso è nato il ribrezzo per quel libro, ne sono diventata allergica, non credo per il fatto che fosse brutto, ma più perchè mi “obbligavano” a provarci.. Ho deciso però che riproverò a leggerlo e vincerò questa sfida che va avanti da sedici lunghi anni! U_U

4. Quando ero alle elementari ho cominciato a collezionare i minerali con le uscite settimanali al giornalaio, ma poi ho dovuto smettere perchè il prezzo aveva cominciato a diventare un po’ troppo alto.. 😦

5. Una delle cose su cui faccio indugiare il mio sguardo sono le mani di una persona.. Non so per quale strana ragione, ma è una cosa a cui faccio caso. **perdonate l’orribile gioco di parole >_>**

6. C’è un piccolo oggetto a cui mi sono affezionata molto.. All’inizio il suo colore non mi entusiasmava poi molto, ma adesso me ne sono completamente innamorata!

7. E queste sono le creazioni realizzate da me e dalla mia compagna di banco quando ci annoiamo a scuola, con la gentile partecipazione delle nostre biglie, di collane, bracciali o orecchini e chi più ne ha, più ne metta!! xD

E ora… i quindici blog che ho deciso di premiare!! ^^

1) Sogni di una notte di luna piena
2) Over the hills and far away
3) Libri & popcorn
4) Emozioni in bianco e nero
5) Esplosione di pensieri
6) My Crazy Life
7) Stargazer’s Tides
8) *Ancient Lucrezia*
9) Una voglia di fare large, un tempo small e una fantasia medium…
10) Polvere di stelle
11) Dietro la maschera della realtà si nasconde la fantasia
12) Libri da favola
13) Appoggiato sul Comodino
14) Quando tutto ciò che ami è racchiuso in un libro
15) Midnight’s Books

Meme delle Fiabe!

Un calorossissimo saluto a tutti e buona domenica, lettori miei! ^^

Circa una settimana fa la mia sorellina Mirial, del blog Sogni di una notte di luna piena, ha ideato un meme carinissimo sulle fiabe e, adesso che ho un po’ di tempo e per non rischiare il linciaggio da parte sua, mi appresto a farlo anche io!! ^^
Che dite, cominciamo?

1. Qual è la tua fiaba preferita?

Da piccola mi piacevano tanto Cappuccetto Rosso e anche la Gatta Bianca, nonostante litigassi spesso con mia sorella per decidere la fiaba che la nonna ci avrebbe letto quella sera.. ma mica potevo ammetterlo, scherziamo? u_u
Ma.. ne sceglierò una diversa: Pix Pax Pox.

2. Quale quella più odiata?

Pur non andando pazza per Biancaneve né tantomeno Cenerentola, ce n’è un’altra che mi piace ancora meno: I vestiti nuovi dell’imperatore. La tontaggine di quell’uomo mi dava sui nervi! >_>

3. Qual è il tuo cartone animato Disney preferito?

Ma come sei crudele, Mirial!! Devo proprio scegliere tra Peter Pan e La spada nella roccia??? T_T

4. Quale sogno vorresti che la bacchetta magica della Fata Madrina rendesse vero?

Oltre il fatto che in fatto di sogni e desideri ci ho già dato dentro alla grande con la mia domanda del meme sul mondo fantasy… Se esprimi un desiderio e poi lo comunichi a qualcun altro è difficile che si avveri, no? Credo che questo rimarrà un segreto, vi lascio immaginare! 😉

5. Il tuo cattivo preferito?

Yzma *-* Le follie dell’imperatore *v*


6. E adesso il principe azzurro dal quale vorresti essere salvata…

E qui, cara Mirial, mi hai rubato la risposta u.u Se dovessi proprio scegliere mi troverei in grande difficoltà, visto che dei principi non me ne piace nessuno tanto da sceglierlo.. Uhm.. Anche io dico Flynn Rider, ma anche Kovu non è male, sai? Anche se è un leoncino ^^’


7.Quale dei sette nani ti rappresenta di più?

Forse Pisolo..

8. Se Mago Merlino potesse tramutarti in un animale per un giorno, quale vorresti essere?

Ecco, questa è una domanda difficile.. Già una volta mi sono soffermata a pensare una cosa del genere e alla fine ero arrivata alla conclusione che mi piacerebbe cambiare ogni giorno forma e sperimentare la vita secondo diversi punti di vista, da quello della formica a quello dell’elefante! Oh.. proprio non so, ci sono tanti animali belli!! Forse.. forse sceglierei un volatile, anche solo un piccolo passerotto..

9. Se fossi Raperonzolo, come trascorreresti le tue giornate chiusa nella torre?

Dato che non è molto lontano dalla realtà, ma essendo Raperonzolo non avrei i compiti a tenermi legata alla sedia, credo che passerei il tempo a leggere, a scrivere, a fantasticare, pensare e… sì, anche a escogitare un piano per uscire di lì!

10. E ora… scrivi la prima frase che ti viene in mente di una delle canzoni Disney!

“Non c’è logica spiegazione a una tal disturbazione, niente ti disgetola, ti scombuzzola, ti scompiffera, ti rimestola, ti scompisciola, ti scombuzza di più!”

11. Quale frase ti sussurrerebbe più spesso all’orecchio il Grillo Parlante se lo avessi sulla tua spalla?

Di certo mi direbbe di svuotare un po’ il cervello, di cercare di non rimuginare troppo sul problema tanto da farmi scoppiare la testa.. tanto la soluzione arriva quando meno te lo aspetti e non è il caso di farsi sprofondare ancora più giù di dove si è giunti..


12. Se tu possedessi le scarpette rosse di Dorothy dove vorresti che ti trasportassero?

Allora.. In Scozia, in Irlanda e in Giappone *w*

13. Se dico “C’era una volta…” come proseguiresti la frase? (P.S.: non scrivere tutta la storia, solo l’incipit!)

C’era una volta una giovane ragazza che viveva alla giornata, però senza poter fare a meno di chiedersi cosa le riservasse il futuro. Era stanca dell’incertezza, di quel continuo domandarsi cosa sarebbe successo dopo, aveva bisogno di un punto fermo a cui aggrapparsi… ma era davvero disposta a rischiare tutto, di accettare qualsiasi compromesso pur di ricevere una risposta soltanto?

E questa era l’ultima domanda, ragazzi!! ^^
Per questo meme non è necessaria nessuna “nomination”: chiunque di voi può copiare liberamente questo carinissimo test sul proprio blog e rispondere alle domande! 😉

Ciao a tutti!! Ci vediamo presto!! ^^


Yvaine

Teaser Tuesday # 10

Benvenuti a questo nuovo appuntamento del Teaser Tuesday, rubrica ideata da MizB del blog Should Be Reading! ^^
Prima di cominciare ricordiamo le semplici regole della rubrica del martedì:

* Il libro che stai leggendo
* Una pagina aperta a caso
* Copiane un pezzo evitando accuratamente spoiler
* E infine rivelane l’autore e il titolo

E… finalmente ho cominciato il libro che stavo aspettando di poter prendere in mano! Io e mia sorella ci siamo fiondate in libreria il giorno stesso in cui Firelight faceva la sua comparsa sul mercato italiano e, essendo l’ultimissimo acquisto, non potevo non essere ispirata dal leggere proprio questo! Ma bando alle ciance: veniamo al punto fondamentale di questa rubrica! 😉

Titolo: Firelight – La ribelle
Autore:Sophie Jordan
Casa Editrice:Piemme Freeway

Con una spinta, finalmente libero le ali, un velo sottile e ampio che schiocca, si apre dietro di me e rimette in circolo l’aria immobile. Prendo il largo all’istante e sentire quanto è difficile, quanto è impossibile, mi fa quasi piangere.
I muscoli bruciano, urlano, protestano. Dietro di me, le ali sbattono come dannate per sollevarmi in aria. Aria senza densità né sostanza. Le ali cercano un punto d’appoggio, qualcosa su cui fare presa, si sforzano di decollare. E’ tanto… difficile. Difficilissimo!
Mi alzo, ma lo sforzo mi toglie il fiato. Le lacrime di frustrazione pizzicano gli occhi e annebbiano la vista. E’ umidità che non posso concedermi di perdere.
Il verde, sotto, si allontana. Sbatto gli occhi e scruto il panorama, mi concentro sulla distesa di tegole rosse dei tetti che si perde all’orizzonte. In lontananza, le luci delle auto su un’autostrada sono piccole. Ancora più lontano, le montagne sono una macchia di liquido versato sulla notte.


Pag 102

The Familiars: "Kalstaff ritiene che il naturale ciclo del sonno non vada disturbato e che impariamo più con gli occhi chiusi che con gli occhi aperti" *v*

The Familiars- La strana storia della rana pasticciona, della ghiandaia blu e del gatto che salvò il mondo dei maghi, di Adam Jay Epstein e Andrew Jacobson, il primo di quella che sarà sicuramente una saga.


Iniziato il: 03/01/2012
Finito il: 14/01/2012


Trama


In una terra popolata da potenti maghi e talentuose streghe, l’attenzione si concentra sulla città di Bridgetower, più precisamente sul tetto di un edificio dove sta appollaiato un gatto randagio in attesa del momento opportuno per comparire sulla scena e rubacchiare la sua colazione. Sembra un giorno come un altro per Aldwyn, una nuova lotta per la sopravvivenza, ma questa volta la sua vita potrebbe cambiare radicalmente. Viene inseguito da un famoso e temibile accalappiagatti e casualmente finisce in un negozio che venda famigli, straordinari e particolari animali che lo affascinano. Proprio in quel momento dalla porta d’ingresso entrano Jack, un giovane mago, e Kalstaff, il suo maestro e… chi l’avrebbe mai detto! Quel ragazzino sceglie proprio Aldwyn, proprio lui che non ha neanche un pizzico di magia nell’artiglio! Viene così condotto a Stone Runlet dove si trovano gli altri due apprendisti di Kalstaff, Marianne e Dalton e i loro rispettivi famigli: Gilbert, la raganella pasticciona che dovrebbe saper leggere il futuro, e Skylar, una ghiandaia blu saccente col potere di creare illusioni. Finalmente felice di aver trovato un po’ d’affetto e di sicurezza, Aldwyn però non potrà gustarsi per molto queste positive sensazioni: infatti una sera avvistano tre stelle danzare nel cielo, segno che il mondo di Vastia è in pericolo e che solo tre giovani promesse della magia possono salvarlo dalla catasrofe. E quando Marianne, Dalton e Jack verranno rapiti, toccherà ai tre famigli intraprendere un lungo e avventuroso viaggio, affrontando incredibili orrobestie, pur di salvare i loro reali. Hanno solo tre giorni di tempo, poi tutto sarà perduto…

Commento

Che dire di questo libro? Ammetto che pur attirandomi all’inizio non mi convinceva molto, temevo che potesse somigliare troppo a Harry Potter anche se il punto di vista è completamente diverso e originale. In effetti qualche somiglianza l’ho notata, ma sapete che vi dico? Che non ha alcuna importanza, perché tutto sommato credo che Adam e Andrew abbiano fatto del loro meglio per inventarsi nuove bestie magiche, nuovi ingredienti per pozioni e incantesimi con un ottimo risultato. Inoltre la trama è molto carina, costellata da qualche piccolo mistero, da tanta, tanta avventura, a volte anche tanta sfortuna, altrettanta fantasia e ingegno e condito con divertenti episodi causati da una serie di equivoci divertenti.Con la Rowling abbiamo apprezzato il mondo dei maghi, mentre con questo impariamo a guardare tutto da una diversa prospettiva perchè i famigli rischiano di diventare più importanti dei loro stessi padroni!
Per quanto riguarda lo stile.. avevo visto su aNobii un commento in cui un ragazzo/a criticava la scrittura di questo libro evidenziando come difetti la complessità delle frasi e la loro lunghezza. Io non credo sia un crimine, anzi, non sono eccessivamente ampollose da rallentare la lettura e vi è un uso corretto della punteggiatura. Personalmente l’ho trovato un libro scorrevole, piacevole, simpatico, accattivante e senza dubbio magico, accompagnato da fantasici disegni! ^_-
Insomma un libro che vale la pena di essere letto, adatto per i piccini  e anche per i grandi che hanno ancora tanta voglia di sognare e di viaggiare per scoprire ogni sfaccettatura della magia!

Voto: **** e 1/2 : non mi sento di dargli pienamente cinque stelle, voglio aspettare il seguito e vedere se riuscirà a farmi innamorare di qualche personaggio particolare!

Yvaine
Piccole anteprime!
Allora, sapete già che da questo libro presto sarà tratto un film prodotto da Sam Raimi per la Sony Pictures Animation, ma… guardate un po’ cos’ho trovato sul web!
La nuova copertina del secondo appuntamento di questa saga!! Lo voglioooooooo *v*

Una grande perla di saggezza, un meraviglioso inno alla Vita..

Anche questo giorno volge al termine e io ho deciso di regalarvi queste parole e queste immagini sperando che possano colpirvi e affascinarvi com’è capitato a me. Devo ringraziare un’amica per avermi fatto conoscere questo video che io trovo assolutamente stupendo, emozionante. Vi prego quindi di ascoltarlo e guardarlo con molta attenzione, non concentratevi solo sulle immagini o solo sulle parole, ma gustatevi tutto nel loro insieme e, se necessario, ascoltatelo una seconda volta. La prima volta che l’ho visto confesso di non aver capito molto, ma da quel momento non farei altro che guardarlo all’infinito..
Non credo di poter aggiungere altro, tutto ciò che vale la pena leggere o sentire lo trovatre qui sotto..

C’è una storia antica e nobile che il tempo non scalfisce.
Scorre tra le pieghe dell’anima
in un flusso di vite vissute
quante lacrime.. quante gioie.. quanta esperienza..

Come fiumi solitari che scorrono al contrario
abbiamo vagato e navigato
quanti sentieri.. quanti solchi.. quanta strada..

Non un sapere ma il sentire ci ha guidati
come gocce che si riversano in mare
ripiene di immenso dal sapore infinito
e colori, quanti colori..

Con la voglia di andare lontano
su distese vaste e sconosciute
spensierati, al di là dello spazio
con la leggerezza di un canto nel cuore
sempre a caccia di emozioni..

Ma i giorni e i suoi affanni spesso ci hanno spossato
trascinato e rivoltato
ci hanno sommerso, ma mai affondato!

E abbiamo compreso, che nessun abbraccio
è come il nostro a noi stessi
ed ecco la forza per un nuovo slancio:
Coraggio, abbi fiducia!

Voglio gioire in te
Tuffarmi nell’essenza più profonda di noi.
Voglio sentire con te
questo canto d’anima che ci pervade e ci fa vibrare
che ci incanta e ci fa sognare.

Voglio riposarmi in te
ritrovarmi il quel senso profondo che ci unisce e ci lega.
Voglio esplorare con te
quella forza che ci spinge a sperare..
a riemergere.. a lottare.. ad amare..

Libertà!
LIBERTA’!!
Gridiamolo Ora
Tutti insieme
Affinché ciascuno sia il riverbero dell’altro.

Alziamoci in volo
e sosteniamoci
con il coraggio racchiuso in noi stessi
con la gioia di Vivere e di Essere
ciò che per natura siamo sempre stati:
Esseri Liberi!

Un solo volo, una sola voce, una sola Anima.
E ché sia Armonia sotto ogni cielo,
in ogni mare e in ogni terra.

Che la vita ricolmi ciascuno
con quella gioia incommensurabile
del volo condiviso affinché l’amore si compia
e si riversi in ogni luogo.

Così Sia!

Altri video degli autori di questa splendida poesia potete trovarli sul canale di crysaetos11 e di AquilaSenzaNido
A presto!!